Diamante, #Siamovoi contro l'esecutivo Magorno: 'Due anni di incoerenza e confusione'

Questa amministrazione è solo confusione, fumo e passerelle inutili.Siamo alla vigilia del secondo anno di mandato di questa amministrazione, di cui uno - purtroppo -passato nel disastro mondiale della pandemia. Una situazione che politicamente è stata, però, la salvezza di questa maggioranza, la loro ancora a cui aggrapparsi per dire che se le cose non vanno bene è colpa della pandemia.

 E’ la solita menzogna politica per nascondere una inconsistenza dell’azione amministrativa che non ha precedenti e per promettere che nel prosieguo del mandato si farà questa o quella cosa. Ma non è così, è la solita bugia e promessa elettorale. Perché a Diamante, con certi politici, si è sempre in campagna elettorale: Comune, Provincia, Regione, Camera, Senato, Amministrazione di condominio, Consiglio d’Istituto scolastico…e chi più ne ha più ne metta.

Una amministrazione che si era presentata ai cittadini, dopo l’elezione, nel segno di quella che irriguardosamente, a nostro giudizio, avevano definito la loro stella. La guida al quale ispirarsi: quella del compianto amico Ernesto Caselli, che era uomo di “porto”, avendo avuto il coraggio di rivendicare e di volere quel porto che era allora in campo. Oggi invece tra questi signori, direttamente o indirettamente, c’è di tutto.

Chi vuole quel porto (magari per amicizia); chi lo voleva prima, lo ha combattuto poi e cerca un accordo ora (magari per interessi…e non certo della collettività). C’è chi lo ha promesso in dote, quello o un'altra cosa simile, ad amici o sostenitori (ma non ha ancora capito che non si può); c’è chi da postazioni diverse, anche nelle amministrazioni passate, diceva che bisognava assolutamente evitare il contenzioso che invece ora si sta consumando. E c’è poi chi cerca di prendere in giro la gente, dicendo che tutto è risolto ed invece la situazione è ferma al palo. E nonostante le chiacchiere fatte sui giornali o nelle dirette la realtà è che i cancelli sono chiusi e la comunità di Diamante non si è riappropriata di un bel niente. Solo chiacchiere, solo bugie.

Ma soprattutto era uomo di popolo Ernesto Caselli e non stava rinchiuso nei palazzi del potere.

Era colui il quale voleva fare di Diamante un centro di aggregazione di giovani e meno giovani nella spensieratezza e nel divertimento sempre nel rispetto delle regole. Non voleva, specie d’estate, il “coprifuoco” che è stato imposto da questi signori. E non ora in pandemia, ma già nel corso della prima estate di amministrazione Magorno, quando di virus neanche si parlava. Abbiamo assistito a scene da film in cui amministratori la sera si vestivano da sceriffi con la stella di cartone sul petto e guidavano i vigili – ahi loro – per le vie del paese esponendoli ed esponendosi ai sorrisi sarcastici della gente. 

E se poco meno di due anni fa accadeva questo, oggi si fa anche peggio. Se possibile.

Nelle dirette di qualche settimana fa il Sindaco si scagliava contro il governo (ma quello era il Governo Conte, non più il suo !) per le misure restrittive che colpivano anche realtà, come la nostra, ben diverse da quella dei “Navigli” di Milano, diceva. E ora invece emana una nuova ordinanza in cui alle restrizioni del Governo, aggiunge il divieto di vendita di alcolici e superalcolici a tutti gli esercizi commerciali. Anzi no, alcuni possono venderne, ma solo se il cliente dichiara che non lo consuma in luogo pubblico (?). Su certe affermazioni - ahi noi scritte e quindi ufficiali - sta ridendo tutta Italia e non solo.

Come ha detto qualcuno: non si capisce se stiamo combattendo il virus o la cirrosi epatica. Se si beve una birra o un aperitivo alcolico in luogo pubblico o aperto al pubblico, si rischia il contagio. E se io cittadino, bevo una qualsiasi altra bibita o un aperitivo analcolico, invece no? Ci sembra quantomeno bizzarro, a meno che il Comitato Tecnico-Scientifico del Comune di Diamante abbia fatto qualche scoperta che il mondo scientifico mondiale ancora non conosce. Diteci voi se questi amministratori non sono in confusione totale!

 

Gruppo consiliare Siamo Voi

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail