Con i cinque positivi di oggi, aumenta a 43 il numero dei malati di Coronavirus. Come aumenta il pericolo che il contagio possa aumentare ulteriormente il suo raggio di intervento. Il protocollo, impartito dal primo cittadino, Vincenzo Cascini, è stato seguito in ogni sua forma, eccezionale se si pensa che il sindaco, a seguito di un intorno tenutosi ieri, ha pubblicato una nuova ordinanza con ulteriori chiusure delle scuole. Inoltre due positivi si registrano a Diamante e Scalea. In quest’ultima città è risultata nuovamente positiva una persona già in quarantena.

A Verbicaro il sindaco Francesco SIlvestri ha diffuso una nota nella quale comunica la positività al tampone rapido di una studentessa del liceo scientifico "P.Metastasio" di Scalea, residente in Verbicaro . Il Comandante della Polizia Municipale e dei vigili ha effettuato le relative indagini per tracciare tempestivamente i contatti avuti dalla studentessa. La ragazza, che risulta positiva al virus, è  attualmente in quarantena presso la propria abitazione. Tutte le persone che hanno avuto contatto diretto con lei sono stati avvisati e messi in quarantena.

An.tr.

“Mi stringo forte alla sofferenza del mio collega Luigi, che in questo momento si trova a casa con la sua famiglia tutti colpiti dal covid-19, augurandogli di superare presto questo difficile momento”. Così l’assessore Marco Liporace nelle sue vesti di infermiere che in queste ultime settimane sta lavorando nel settore covid all’ospedale di Cetraro. Il covid ha colpito un suo collega che, ricorda Liporace, “dal quel fatidico 19 marzo abbiamo iniziato questa nuova battaglia insieme sempre in prima linea, non ci siamo mai tirati indietro, nonostante le grandi difficoltà di ogni genere ed alcune volte anche le incomprensioni di molti colleghi. Ma noi il covid lo vediamo in modo diverso quindi non ci siamo tirati indietro pur sapendo che prima  o poi sarebbe toccato anche a noi. Ma nonostante ciò oggi nelle numerose telefonate che ci scambiamo non facciamo altro che raccontare le nostre giornate, soprattutto le ansie percepite dalle numerose persone che si recano in ospedale, con la paura di essere positivo”. In ultimo l’appello:” Torna presto, abbiamo tanto da fare. Il nemico ora è molto pericoloso e se non siamo uniti non riusciremo a sconfiggerlo”.

Antonello Troya.

È ufficiale: sono otto i positivi al Covid a Belvedere Marittimo. Trentasette in totale. I dati di oggi indicano un aumento proporzionato al numero dei positivi ai test eseguiti nei giorni scorsi. “Una situazione di cui eravamo al corrente e che ci aspettavamo – ha tenuto a sottolineare il primo cittadino di Belvedere, Vincenzo Cascini – teniamo da tempo la situazione sotto controllo all’indomani dei fatti che hanno determinato l’aumento del numero dei colpiti dal virus”.

Insomma un numero ipotizzato e che alla luce dei dati dell’Asp trova conferma. Sono quindi 38 in totale il numero dei contagiati. “Al di sotto dei quaranta – ribadisce il sindaco – ci auguriamo che un numero così elevato possa rientrare in breve tempo”.

In merito alla quarantena e “Zona Rossa” di Pantaide il sindaco ha ribadito che: “Stiamo assistendo ad episodi fuori da ogni logica: i cittadini di Pantaide risultati negativi possono circolare liberamente. Poi ci sono quelli della volontarietà e dell’obbligatorietà dell’isolamento, figure diverse che devono attenersi a quanto loro indicato. Non esistono persone positive che vanno in giro per il paese e nemmeno persone in quarantena obbligatoria. Userò misure forti verso coloro i quali non rispetteranno le regole”.

Antonello Troya

I Carabinieri della Compagnia di Paola, Aliquota Radiomobile, hanno arrestato un 26enne. L’accusa è di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. I militari, durante la perquisizione dell’abitazione in uso al ragazzo, hanno rinvenuto, nascosti nella cassetta del contatore dell’acqua, chiusa con un lucchetto, un involucro in plastica contenente marijuana per un peso complessivo di 260 grammi; 1 bilancino elettronico di precisione, funzionante; del materiale destinato al confezionamento della sostanza stupefacente.

Le analisi condotte con celerità dal Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti dell’Arma dei Carabinieri hanno permesso di accertare che dal quantitativo di sostanza stupefacente sequestrata, sulla base del principio attivo contenuto nello stesso, avrebbero potuto essere ricavate circa 1.757 dosi da destinare alla vendita al dettaglio.

Il 26enne, terminate le formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Paola, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. L’arresto è stato convalidato.

 

Riportiamo in integrale la nota stampa della minoranza: "Sentiero Comune"

Venerdì 16 ottobre il sindaco, a seguito di comunicazione del Dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria, emetteva ordinanza di permanenza domiciliare fiduciaria ad un cittadino risultato positivo ad indagine riguardante il virus Covid-19, avvisandone la popolazione solo il giorno successivo;

Giorno 19 ottobre veniva pubblicata ordinanza di quarantena per i familiari di una persona risultata positiva, “ricoverata a Cosenza ed in buone condizioni”; 

Giorno 19 ottobre emergevano ben 17 positivi ai test rapidi (e non ai test sierologici, come erroneamente più volte definiti!) che dovevano rimanere in isolamento fiduciario presso la propria abitazione in attesa di effettuare il tampone molecolare;

Il Gruppo Consiliare “Sentiero Comune” già domenica 18 ottobre chiedeva la chiusura cautelativa della scuola e la sanificazione dei suoi locali, insieme alla sanificazione del palazzo comunale. Richiesta ripetuta martedì 20 ottobre ma alla quale non è mai stata data risposta da parte del Sindaco e dell’Amministrazione, se non con un diniego sostenendo “di stare calmi e che non era possibile chiudere la scuola per evitare l’interruzione di pubblico servizio”; 

Ieri, 23 ottobre, sono stati accertati 4 casi positivi al Covid-19 e non ci è dato sapere quali ambienti sono stati frequentati da queste persone, alle quali vogliamo esprimere vicinanza poiché attraversano in prima persona questo brutto momento, augurando loro una pronta guarigione e aggiungendo che non devono sentirsi additati perché non di questo si tratta, ma della prevenzione e della tutela della salute dei cittadini di tutta la Comunità. 

E’ sempre di ieri l’ordinanza di chiusura della scuola e del Municipio (come avevamo chiesto da più giorni) per sanificazione dei locali di entrambi gli edifici. Evidentemente in netto ritardo e con una superficialità che lasciano la Comunità impaurita e sgomenta. 

Faremo le considerazioni sulla gestione dell'emergenza questo pomeriggio alle 17.30 con video messaggio. 

La salute dei cittadini viene prima di ogni altra cosa, prima di qualsiasi calcolo e, soprattutto, prima di qualsivoglia “brutta figura”.

 

Gruppo Consiliare "Sentiero Comune"

Emanuela Monita 

Carmelo Martorelli 

Francesco Palmieri M.

 

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail