A processo l’ex direttrice del carcere di Paola: Longo è accusata di aver favorito esponenti di ’Ndrangheta

Aveva guidato il carcere di Paola poi passata a quello di Reggio Calabria. Ieri Maria Carmela Longo è stata rinviata a giudizio. Lo ha deciso il gup Karin Catalano, al termine delle udienze preliminari, accogliendo la richiesta formulata dai sostituti procuratori della Dda reggina Stefano Musolino e Sabrina Fornaro.

Il processo inizierà il 17 marzo davanti al Tribunale di Reggio Calabria dove compariranno anche gli altri due imputati, il medico dell'Asp Antonio Pollio e la detenuta Caterina Napolitano. Difesa dall'avvocato Giacomo Iaria, l'ex direttrice del carcere era stata arrestata nell'estate 2020 con l'accusa di concorso esterno con la 'ndrangheta. In sostanza, secondo le indagini coordinate dal procuratore Giovanni Bombardieri, la Longo avrebbe favorito decine di detenuti, alcuni dei quali esponenti di spicco delle cosche di 'ndrangheta reggine.

 

 

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail