Belvedere, omicidio Dimova: sfilano i periti

Gli argomenti trattati nel corso dell’udienza riguardano principalmente questioni tecniche. Sul banco degli imputati Andrea Renda, 32 anni, di Belvedere Marittimo, assistito dall'avvocato Alberto Grimaldi. Sono stati sentiti, chiamati in causa dalla Procura, l'ingegnere Spina e il dottor Chianelli. I tecnici hanno relazionato sui dati relativi ai cellulari delle persone coinvolte, alle posizioni delle celle, all'eventuale compatibilità con i luoghi del delitto e altro. Relazione anche sulle videoriprese estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, soprattutto nell'area del centro storico di Belvedere Marittimo.

Secondo quanto è emerso il presunto omicida, sarebbe stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza nelle ore del grave fatto, tra l'1.30 e le 2.40 della notte, nel centro storico, mentre entrava in casa dal balcone, mentre usciva, e mentre si intratteneva a passeggiare nelle vicinanze dell'abitazione della vittima.

La donna sarebbe morta in seguito all'impatto con un corpo contundente che avrebbe generato il trauma mortale. Il corpo di Anelya Dimova è stato rinvenuto sul letto, con la testa fracassata da una bottiglia di whisky.

La prossima udienza il 4 febbraio.

fonte Mio Comune

 

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail