Storie di Covid, di malasanità e prospettive per il rilancio; si sono concluse, con grande successo, le prime due tappe del Tour lanciato dal Segretario-Questore dell'assemblea regionale calabrese, On. Graziano Di Natale. La presentazione del libro, dal titolo "Disonorata Sanità", dall'alto al basso Tirreno Cosentino, ha fatto registrare veri e propri bagni di folla in due centri nevralgici del litorale: Amantea e Scalea. Alle iniziative, svoltesi nel rispetto delle norme igienico sanitarie attualmente in vigore, hanno preso parte tra i relatori, oltre all'editore Falco, esponenti dell'associzionismo, giovani amministratori ed illustri imprenditori. Soddisfatto il consigliere regionale. "Amantea e Scalea sono ridenti comunità alle quali sono molto legato. Meritano rispetto. Qui vivono persone perbene, che lavorano onestamente. Ringrazio tutti i presenti. Sono commosso da tanto affetto. Le nostre battaglie contro la malasanità e la burocrazia malata trovano sempre più sostegno tra i cittadini. Adesso c'è un barlume di speranza perché con la forza dei fatti abbiamo smosso le coscienze". Il Vicepresidente della commissione regionale anti 'ndrangheta, afferma inoltre: "Ho fatto 
sempre il mio dovere, rispettando il mandato elettorale. Le mie denunce e le mie proposte sono scevre da condizionamenti politici perché su tematiche così importanti, quali la sanità, non possono esistere i soliti steccati di appartenenza a dividerci. Vado avanti con la schiena 
dritta. Il Tour prosegue. Oggi saremo a Casali Del Manco, domani a Cleto, poi sarà il turno di Fuscaldo e Paola. Saremo in giro -conclude- perché una migliore Calabria c'è e deve emergere. I cittadini rivendicano i propri diritti senza che questi diventino favori da parte dei politicanti. Inoltre, prosegue il mio impegno politico-istituzionale a sostegno di questi territori che rivendicano centralità e servizi".

Sarà presentato stasera alle 21,30 in Largo Savonarola a Diamante, il libro di Giusy Perrone “La migliore Amica. Giusy tra Arnold e Chiari” (Falco Editore). Interverranno, oltre all'autrice, il Vicesindaco di Diamante Pino Pascale; il Sindaco di Buonvicino, Angelina Barbiero; l'editore del libro, Michele Falco. Modera l'incontro il giornalista Giuseppe Gallelli. “Sono sempre i sogni a dare forma al mondo“. Dopo esattamente sette lunghi mesi, il sogno di Giusy si è finalmente realizzato. Scritto di getto durante un periodo particolare della sua vita, Giusy Perrone, di Buonvicino, ha l’onore di potervi presentare, la sua grande e favolosa “Migliore Amica”. Quell’amica che le ha tolto tanto ma le ha dato tutto, quell’amica che si è fatta desiderare in passato ma che in futuro mai l’abbandonerà, quell’amica che l’ha fatta diventare fan di se stessa e della vita. “Ricorda – dice Giusy – la tua vita viene prima di tutto”. Il libro è un racconto intimo, autobiografico, un grande messaggio di speranza e positività di fronte alle vicissitudini che la vita può mettere davanti in modo inaspettato. “Ragazzi e ragazze – dichiara l’editore Falco – non sentitevi mai in difetto dinanzi alle vostre malattie, ma impegnatevi a ricordarvi che voi siete il miglior capolavoro di voi stessi. Giusy lo ha fatto, fatelo anche voi insieme a lei, indossando sempre un bel sorriso grande.” Il libro “La migliore Amica” è già disponibile nelle librerie e negli store online, buona parte del ricavato sarà dedicato alla Fondazione della malattia così chiamata “Arnold Chiari “, una sindrome rara di cui sono ancora sconosciute le cause. “Ci tengo a ringraziare anticipatamente – afferma l’autrice del libro Giusy Perrone – chi lo leggerà e chi grazie a questo libro imparerà a tifare un po' di più per se stesso. Un ringraziamento ufficiale al mio editore, il mitico Michele Falco che sin dal primo giorno ha creduto in me e che successivamente ha fatto sì che questa “autobiografia” diventasse il mio capolavoro e il mio sogno finalmente realizzato. Un ringraziamento speciale al mio fotografo di fiducia Albano Fittipaldi.”

 

 

Sul palco del Teatro dei Ruderi, Re Peperoncino elenca uno per uno i grandi artisti che parteciperanno alla ventinovesima edizione del Peperoncino Festival: Riccardo Scamarcio, Giulio Berruti, Orietta Berti, Mita Medici, Peppe Voltarelli, Cristiano Malgioglio, Lallo Circosta, Gigi Miseferi. Senza dimenticare gli chef: Alfonso Iaccarino, Heinz Beck, Hiroiko Shoda, Massimo Spigaroli, Fabio Campoli e dalla terra del fuoco la pluripremiata Paula Chiaradia.

Il Direttore artistico Enzo Monaco, illustra la “filosofia” del Festival e la formula che ha decretato il successo e il primato assoluto fra le 350 iniziative che ogni anno vengono organizzate nel mondo in onore di Sua Maestà il Peperoncino.

“Cinque giorni di allegria, dice Monaco, con una declinazione completa del concetto di piccante. Partendo dalla gastronomia per arrivare alla satira, al folclore, al cinema, al teatro, all’eros, all’arte piccante. Tutto per strada. Tutto senza biglietto d’ingresso. Soprattutto tanta, tantissima gastronomia. Show cooking, laboratori, seminari, concorsi con le mille specialità di Calabria, dal peperoncino al bergamotto fino alla cipolla rossa di Tropea, passando dallo stoccafisso e dal morsello. Onnipresente il peperoncino che insaporisce le pietanze e fa bene alla salute, stando alle testimonianze degli illustri accademici che nei convegni medici esaltano le virtù del diavolillo”. Dopo tante bellezze femminili due sex–simbol maschili Riccardo Scamarcio e Giulio Berruti. Scamarcio spegne le candeline della torta il primo giorno. Berruti l’ultimo giorno passa il “testimone” al 2022 per la ricorrenza al trentennale.

Orietta Berti, dopo aver confessato a Sanremo di “allenare” la sua voce col peperoncino riceverà la nomina di “Ambasciatrice piccante” e subito dopo canterà le sue canzoni più belle.

Mita Medici, tutte le sere all’ora del tramonto, reciterà poesie d’autore sulla terrazza Savonarola, davanti all’isolotto di Cirella, accompagnato dalla musica del pianoforte e del violino e del sassofono. Sul Palco di piazza Municipio i concerti di Malgioglio, Rino Gaetano band, e Peppe Voltarelli.

Nella Villa comunale la “Rassegna internazionale del cinema erotico”. Sempre per il cinema la presentazione del film “Spicy Calabria”, girato durante il Festival 2019 e in anteprima mondiale il documentario “Hot-La Grande Passione per il Peperoncino” degli austriaci Nicole Schmidt e Heimo Aga.

Nel centro storico, sul Lungomare e sul Lungofiume la rassegna “Stradateatro” con trampolieri, equilibristi, clown, musicisti, statue viventi e gruppi folk.

Al Cineteatro Vittoria in prima nazionale “Le avventure di Re Peperoncino” una produzione esclusiva dell’Accademia per il Peperoncino Festival che nei mesi successivi circuiterà nei teatri italiani.

Per le “iniziative piccanti” la presentazione del primo “Museo subacqueo” d’Italia con la posa dell’opera di Francesco Minuti. Nel salotto sulla scogliera i dibattiti di attualità con “ArgomentiPic”. Presente, come ogni anno, il Magistrato Nicola Gratteri.

Premi a Pino Posteraro di Vancouver come “Principe gourmet”, a Faith Willinger e Lucia Loffredo per il giornalismo. Premio per la migliore tesi di laurea sul peperoncino e Premio “Giallo piccante” con la pubblicazione del vincitore su “Giallo Mondadori”.

Cinque le mostre fra le quali due dedicate a Dante. Una di satira “Dante il fiorentino” e l’altra “Le donne di Dante”.

Un programma e un’organizzazione complessa con mille iniziative tutte in contemporanea collocate in tredici location. Per evitare assembramenti e per lasciare la scelta ai turisti e agli ospiti, veri protagonisti della festa.

 
Venerdì 30 Luglio, dalle ore 21.15, in Largo Savonarola a Diamante, potrai assistere a due eventi emozionanti, autentici ed inclusivi.
Presenteremo “Voci dai Murales”, un libro dal format inclusivo e singolare, che fa “parlare” le immagini dei Murales unite alla poesia, a racconti e suggestioni di 19 autori di tutta Italia. Gli autori sono professionisti, artisti, critici d’arte e persone comuni che hanno trattato, con grande tatto e sensibilità, temi forti come: la lotta per la vita e la sofferenza, la morte e la coesistenza degli opposti, la psicologia a cielo aperto, ma anche il legame indissolubile figli-madre terra e l’amore per i padri, l’eterna fanciullezza, e poi ancora storie di amore, di fantasie, di principesse, disagi ed inizi, sogni e prospettive, indulgenza e pedofilia, memoria e violenza di genere, guerra ed ombre. Di fatto è un libro che contiene la vita, in tutte le sue sfumature. 
Le storie dei Murales e le emozioni che ci fanno provare sono raccolte nelle pagine di questo libro (patrocinato dal Comune di Diamante) celebrativo dei 40’ anni, ne condivideremo alcune storie e poesie.
 
A seguire, intorno dalle 22.15, la scena sarà tutta per uno dei più grandi artisti della storia musicale italiana, Lucio Dalla. Ascolteremo e conosceremo meglio alcune delle sue canzoni, tutte ricche di arcani, simboli e significati profondi. Lo faremo con dei testi introduttivi delle sue canzoni ed anche con l’aiuto della filmografia, della fotografia, dell’arte, della mitologia, della simbologia ed anche un po’ della psicologia. 
I temi che Lucio Dalla ci offrirà, attraverso una selezione delle sue canzoni, saranno: Amore e Guerra, Dio e dei, Egoismi e rapporto di Coppia, Pensiero e Sentimento, Oltrevita, Napoletanità.
per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail