Valorizzazione della costa. Nuovi progetti dal Patto Territoriale

E’ stato inoltrato al ministero dello sviluppo economico il progetto pilota volto allo sviluppo del tessuto imprenditoriale del territorio. La notizia è del presidente del patto territoriale Ugo Vetere. Hanno avanzato istanza il comune di santa Maria del Cedro, il comune di Aieta, il comune di Grisolia, il comune di Maierà, il comune di Orsomarso, il comune di Papasidero, il comune di Praia a Mare ,il comune di San Nicola Arcella, il comune di Santa Domenica Talao, il comune di Scalea, il comune di Tortora e il comune di Verbicaro. 

Tutti i progetti sono tesi a migliorare, ammodernare e a sviluppare i territori, valorizzare le risorse naturali culturali del turismo sostenibile.

Il comune di Praia ha avanzato un progetto denominato hub delle conoscenze e del paesaggio oltre che la realizzazione di un acquario virtuale. 

Il comune di San Nicola Arcella ha avanzato un progetto tendente alla riqualificazione e valorizzazione dei water front di localita’ Marinella e Fiuzzi. 

Santa Domenica Talao la riqualificazione di spazi pubblici e privati nel centro storico.

Il comune di Scalea ha avanzato un progetto relativo alla riqualificazione e valorizzazione delle aree a servizio dei stabilimenti balneari oltre che alla rifunzionalizzazione del vecchio municipio.

Il comune di Tortora ha avanzato un progetto relativo alla riqualificazione di piazza stella maris.

Il comune di Papasidero un progetto teso alla valorizzazione dei percorsi turistici ecosostenibili.

il comune di Orsomarso un progetto teso alla valorizzazione delle aree urbane.

Il comune di Maierà riqualificazione delle infrastrutture al servizio della costa. 

il comune di Grisolia la riqualificazione delle aree al servizio degli stabilimenti balneari. 

il comune di Aieta un progetto teso alla riqualificazione degli spazi pubblici e d opere di mobilità interna. 

Il comune di Santa Maria del Cedro riqualificazione di via degli ulivi ,via del mare e delle aree al servizio degli stabilimenti balneari. 

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail