Cetraro, Cennamo: ‘La situazione finanziaria dell’ente è drammatica’

In questi mesi abbiamo provato a mettere in campo iniziative per recuperare risorse, per diminuire il fondo crediti che oggi raggiunge quasi 4 milioni di euro per responsabilità anche di quei furbetti che non pagano le tasse. Quei furbetti che si allacciano abusivamente alla rete idrica e che, grazie ai controlli, stanno iniziando ad uscir fuori come funghi. Quei furbetti delle soste selvagge e dei parcheggi privati che continueremo a multare perché commettono infrazioni. Priorità assoluta è il risanamento del bilancio, che vogliamo effettuare con il coinvolgimento delle minoranze per rafforzare il protagonismo dell’intero consiglio comunale. In una situazione di emergenza, dovuta a responsabilità pregresse, è opportuno muoversi con una ottica unitaria per fronteggiare con efficacia i problemi finanziari nell’esclusivo interesse dalla comunità sociale. In questa fase devono prevalere lo spirito costruttivo e la volontà comune di imprimere una svolta nel modo di gestire le finanze comunali. Si tratta di compiere scelte coerenti e funzionali alla efficienza complessiva della macchina finanziaria comunale. La condizione necessaria per una buona amministrazione è il risanamento del bilancio.

Un obiettivo politico che deve riguardare tutti coloro che vogliono attivamente contribuire a migliorare la qualità della vita nella nostra città. Il tempo delle facili polemiche deve essere messo alle nostre spalle. Dobbiamo guardare avanti con la consapevolezza che la gravità della situazione nazionale, acuita dall’emergenza covid, deve cambiare il modo di rapportarsi con la spesa pubblica, puntando i riflettori sul dramma di tante famiglie e sulle difficoltà degli esercizi commerciali e produttivi. L’emergenza finanziaria deve essere una opportunità politica per rinnovare la via maestra del confronto, sapendo che la centralità della politica è una condizione indispensabile per uscire dalla crisi che ormai ha assunto proporzioni allarmanti. Il debito certo da riconoscere, ad oggi, è di circa 1.3 ml di euro. Non è facile fronteggiarlo, nonostante gli sforzi di questi mesi. Certo è che lo sforzo da compiere è politico e tecnico. Ci sono varie ipotesi da valutare e non a caso oggi, insieme al Presidente del Consiglio, all’assessore al bilancio ed ai tecnici, incontreremo le minoranze per compiere scelte oculate, lungimiranti e condivise. Deve prevalere il senso di responsabilità e devono essere bandite scorciatoie strumentali, destinate solo a creare confusione nell’opinione pubblica. È dunque il tempo della responsabilità, che richiede il cambiamento nel modo di amministrare la nostra città. Una sfida che sta davanti a noi e che vogliamo fronteggiare senza iattanza, senza presunzione, con grande apertura e trasparenza.

Ermanno Cennamo, sindaco di Cetraro

 

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail