Cetraro: ospedale centro Covid. Le perplessità della consigliera provinciale Gabriella Luciani

È ufficiale ormai che l’ospedale di Cetraro è interamente dedicato come centro Covid. Disposizioni momentanee che riguardano soprattutto la rianimazione. Di avviso diverso la consigliera Provinciale Gabriella Luciani che ha lamentato la grave situazione in cui versa e che graverebbe ancora di più sul nosocomio. “La riconversione – spiega la Luciani - porterebbe a non garantire, per tutto il Tirreno cosentino e le aree interne, assistenza per tutte le altre patologie. Discriminare le altre esigenze non può essere una risoluzione definitiva. La chiusura della rianimazione può determinare, a cascata, anche la sofferenza degli altri reparti a partire dal pronto soccorso, aggravando di fatto una situazione già pesante. La concertazione e il lavoro fatto in questi giorni, anche come forza politica, ha per il momento scongiurato la riconversione, per, come si legge nella nota dell’Asp di Cosenza, la mancanza di disponibilità di Medici Anestesisti necessari che vada ad integrare l’attuale organico. Un sospiro di sollievo che certamente non risolve la questione. Capiamo il momento e la necessità di rispondere all’emergenza di questa quarta ondata ma è importante trovare una soluzione che possa essere congeniale a tutte le esigenze”.

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail