Scalea, De Caprio battezza Ugo Manco come candidato a sindaco. Ma è polemica

Il presidente della commissione regionale contro la ‘ndrangheta e consigliere di Forza Italia, Antonio De Cario, ha tenuto a battesimo la prima uscita del gruppo politico “Destinazione Scalea”, che vede Ugo Manco candidato a sindaco. Una benedizione vera e propria quella di De Caprio che ha voluto così ufficializzare la scesa in campo del giornalista. E se doveva essere un incontro tematico, gli interventi hanno spostato l’attenzione sulle elezioni amministrative.

L’argomento della serata è stata la legalità. Al tavolo di Presidenza, oltre all’Onorevole De Caprio ed al Presidente della Associazione DS – Michele Formica - anche Ugo Manco nella qualità di Presidente Onorario di DS, perché fondatore della stessa, oltre che giornalista, e Francesco Di Lorenzo membro attivo della DIA. Naturalmente, oltre al tavolo di presidenza, numerosi giornalisti intervenuti. “Cambio di rotta”: una frase scandita più volte e ribadita da Manco, il quale ha focalizzato l’attenzione sul dovere morale, in qualità di cittadino scaleoto, di dare un fattivo contributo alla “causa Scalea”, attuando politiche “pulite” che provochino un interesse e conseguentemente un riavvicinamento dei giovani alla vita della Comunità.

Ma la scelta di Manco di preferire la sede dell’associazione del sindacato giornalisti ha provocato la reazione di un altro candidato – giornalista, Gaetano Bruno, il quale intende chiedere spiegazioni al sindacato regionale sull’uso fatto da Manco della sede e se era stato autorizzato.

Antonello Troya