Scalea, il prefetto sollecita il Comune a sospendere il consigliere di maggioranza Lombardo

Il Consiglio comunale di Scalea dimentica di sospendere e quindi surrogare il consigliere comunale di maggioranza. La sospensione di Renato Lombardo è di circa una settimana fa ma ancora l’assise consiliare non è stata convocata. Dagli uffici di presidenza del Consiglio Comunale nessuna decisione ancora è stata assunta, né il segretario comunale sembra abbia assunto alcuna iniziativa in tal senso.

Ma l’indicazione inviata dal prefetto al sindaco è molto chiara: si è verificata la causa di sospensione di diritto dalle cariche in base al decreto legislativo, il 235 del 2012 la cosiddetta Legge Severino, che riguarda la incandidabilità, in questo caso di Lombardo. A quest’ultimo era stata applicata la misura meno coercitiva degli arresti domiciliari, misura che però, sempre per la legge Severino, accerta la causa di sospensione i diritto alle cariche pubbliche.

Antonello Troya

per proseguire la lettura
Inserisci la tua mail